Pere Faura: corpo, parola, significato e danza multimediale

Foto di Ilaria Costanzo

Foto di Ilaria Costanzo

RENZO FRANCABANDERA | Era dalla performance al Dance Base durante il Festival di Edimburgo del 2010 che non incontravo Pere Faura, uno dei più allegri e istrionici “animali da palcoscenico” incrociato in questi anni.

Fautore di un’arte accessibile ma intrigante, il giovane danzatore performer, formatosi ad Amsterdam e ora tornato a Barcellona, si fa interprete di un linguaggio in cui la multimedialità e l’interazione con il pubblico condiscono momenti spettacolari al passo con il linguaggio e i segni del contemporaneo, con gli equivoci e le allitterazioni, le metonimie e i controsensi del nostro tempo.

Il lavoro proposto di recente a Contemporanea Prato indaga uno spazio di ricerca particolarmente vicino alle questioni di significante e significato a cui PAC ha deciso, con leggerezza, di votarsi. Abbiamo quindi incontrato, nella video intervista che proponiamo oggi e registrata a Prato, sia Pere Faura che Iñaki Alvarez, coautore dell’ultima proposta in tournèe in Europa, Diari d’Accions.

Ma davvero viviamo in un mondo a senso unico? C’è ancora spazio per il doppio senso, o per l’inversione di marcia?



Categorie:Cultura digitale, Interviste, Novità, Performing Arts, Reportage, Satura, Scena, Teatro, Video

Tag:, , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: