“Impromptus” di Sasha Waltz: il gusto lieve degli intervalli

GIULIA MURONI | In “Impromptus” a ghermire lo sguardo è innanzitutto la disposizione della scena di Thomas Schenk: tre piani trapezoidali posti in modo sghembo l’ uno rispetto all’altro. Su queste tavole oblique danzano i personaggi del mondo di Sasha Waltz. È un succedersi di tableaux vivants sulle note degli  “Improvvisi” e i Lieder di Schubert, eseguiti dal vivo da Cristina Marton.

La corrente edizione del Festival Torinodanza vanta tra i fiori all’occhiello il nome di Sasha Waltz, insieme, tra gli altri, a Alain Platel, William Forsythe, per dire. Abbiamo visto presso il Teatro Regio di Torino “Impromptus” , firmato Sasha Waltz e accolto con gran giubilo dal pubblico torinese.

I sette danzatori stagliano scenari, innescano meccanismi di conquista e abbandono, con le tonalità tenui delle loro vesti dipingono dinamiche sinuose. Abbracci soffici, rincorse, camminate, gesti quotidiani concorrono a creare una qualità di movimento formale e tuttavia semplice, lontana dalle smanie virtuosistiche. waltz2_72dpi

Uno dei quadri vede lo schiudersi di una vasca, recuperata tra le tavole. Tre donne si spogliano ed entrano. Si lavano e si muovono. È un’immagine lieve e straniante, forte di una cifra delicata di femminilità. Di tanto in tanto, tra un momento e un altro, è una cantante, Judith Simonis, a cantare le note di Schubert. In altri momenti è il silenzio, magico e totalizzante, a riempire il Teatro Regio. La musica dei respiri, dei passi, dei movimenti che volano e si incontrano.

Si ritorna sull’efficace distinzione formulata da Mario Pasi: risulta evidente che, rispetto a Pina Bausch, Sasha Waltz si colloca come artista astratta sul piano stilistico e concettuale. Laddove è l’ espressionismo a fornire un tassello dell’impegno sociale di Bausch, nelle opere di Sasha Waltz si ritrova un panorama intimista, rarefatto, quindi metafisico.  “Impromptus” non compie quell’affondo decisivo, essenziale e urticante caratteristico del Tanztheater. Si ricalca un’estetica, si muovono dei passi in quella direzione ma è una strada ancora abbozzata.

Bello e effimero “Improptus” di Sasha Waltz, ha un gusto piacevole, incanta lo sguardo ma non conquista fino in fondo.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: