Da Mombello a Case Matte: il percorso al buio dentro i manicomi di Teatro Periferico

11017679_1186438931371312_5539175738205756882_nRENZO FRANCABANDERA | Quella fila di sedie e il pubblico che entra nella luce fioca. Al buio le voci dei dimenticati fanno più effetto. Al buio diventano lo spiffero dei ricordi. Al buio le voci dei dimenticati, le “anime alla deriva” che urlano da dietro le porte della villa dei matti, diventano soffocanti e fanno venir voglia di scappare via.
Al buio Paola Manfredi, regista di Mombello, Voci da dentro il manicomio, lascia per alcuni minuti gli spettatori del suo lavoro corale, costruito sul testo redatto da Loredana Troschel e Dario Villa intorno al tema del manicomio, in quella che è stata e per certi versi ancora è una ferita del sistema di assistenza e solidarietà del tessuto civile e sociale italiano, specie dopo la chiusura dei manicomi a fine anni Settanta, con la legge Basaglia.

Mombello. Voci da dentro il manicomio è il primo progetto teatrale sulla “villa dei matti”: così era definita nella zona Villa Pusterla, il manicomio di Mombello (frazione di Limbiate), uno dei più grandi ospedali psichiatrici italiani e uno dei maggiori in Europa.

Il 5 Settembre 2015 da Villa Pusterla (Brianza), ha avuto inizio Casematte, il tour teatrale che sta portando Teatro Periferico ad attraversare l’Italia passando non di piazza in piazza o di monumento in monumento, ma dentro le più grandi e conosciute strutture ex-manicomiali italiane, per riaccendere la memoria, dialogare con comunità spesso segnate, se non lacerate, dalla presenza di complessi socio-sanitari di cui le città ospiti tante volte hanno provato a rimuovere il ricordo lasciandole a volte in stato di miserevole abbandono, oltre il pregio architettonico che queste strutture spesso ottocentesche avevano: Genova, Reggio Emilia, L’Aquila, Roma, Volterra e Firenze, e a breve tappa ad Aversa. L’obiettivo profondo, sociale, a Mombello come in tutti le città toccate, è riconsegnare questi spazi a forme di uso partecipato.
In Campania lo spettacolo sarà in scena dal 9 all’11 Ottobre a “La Maddalena” (nome con il quale più comunemente si fa riferimento al Complesso di circa 20 ettari, il 2% de territorio comunale).
Il manicomio di Aversa, fondato nel 1813, fu il primo d’Italia, a lungo l’unico nel Sud. Oggi quasi completamente distrutto e saccheggiato, accoglie strutture di resistenza attiva, cooperative e centri sociali. Si ricorderà il murales di Pignataro del 96.
Andiamo dunque allo spettacolo, prodotto da Teatro Periferico in collaborazione con delleAli, e proposto al pubblico nei lunghi corridoi degli ex manicomi. Notevoli gli interpreti, che sono Giorgio Branca, Elisa Canfora, Antonello Cassinotti, Alessandro Luraghi, Laura Montanari, Raffaella Natali, Loredana Troschel, Lilli Valcepina, Dario Villa. La loro è una coralità talmente profonda nella monadica rappresentazione del luogo mentale che riescono ad evocare che parlare delle singole interpretazioni sarebbe lungo. Perché ognuna è capace di toccare una corda. E ciascuno di loro arriva dove deve con il bisturi nella carne viva dello spettatore.
Il pubblico lungo una parete. Sul lato opposto del corridoio le porte delle stanze, la guardia infermieristica, nella scena pensata da Salvatore Manzella. Porte che quasi mai si aprono completamente, che più frequentemente si chiudono in un buio senza tempo, dentro cui affogano esistenze e storie, sensibilità e cedimenti, fotografie sfuocate, ritagli di giornale di eroi di un fuori che sembra un sogno, una tv accesa a fare da colonna sonora di un tempo interminabile che il pubblico pare sentire addosso, scandito da gesti ripetuti, ossessioni, manie. Fioche le luci disegnate da Andrea Violato, che variano fra il buio e il gelido medicale, con qualche riverbero dall’oltremondo delle fessure sotto le porte delle stanze dei “matti”.
E i “normali” a bruciare anche loro un’esistenza trascorsa ad addormentare con i farmaci, con pochi sussulti per bloccare spasmi di incontrollabile forza di vivere, sedati dalla chimica ma senza possibilità di guarigione.
Dopo una intensa raccolta di testimonianze fra il personale impiegato, i familiari dei malati, i malati stessi, anche alcuni cittadini, Paola Manfredi e il gruppo di lavoro hanno ricostruito un quadro preciso delle vite di molti degli ospiti di Mombello, arrivando a ricreare una sorta di assoluto emotivo, il canone ripetuto di vite fatte di solitudine, costrizioni spesso violente (camicie di forza, legature al letto, finanche sperimentazioni farmaceutiche non autorizzate), ma anche del lento scorrere della vita, raggi, sguardi, presenze vigili e a volte di rara umanità.

Il progetto Casematte è degno di menzione sia per valore assoluto rispetto all’esito artistico che per l’intento sociale, una sfida affrontata dalla compagnia in modo commovente, con un camper in giro per l’Italia, con quel coraggio così raro da trovare, di dedizione totale all’arte. Inspiegabili le scelte dei circuiti di sostegno regionali, che hanno privato quest’anno la compagnia del sostegno economico di cui le sue meritorie iniziative godevano, seppur in forma parziale. O forse spiegabilissime, in una regione che toglie i finanziamenti alle strutture che ospitano rifugiati.

Ma la Manfredi, Villa e tutte le altre donne e uomini di Teatro Periferico hanno saputo andare oltre questa assurda miopia, per rilanciare un progetto che segnaliamo a tutti, lettori, amici, appassionati, come una delle esperienze umane legate al teatro e alle arti sceniche più coinvolgenti di questi anni, ma anche e soprattutto del presente e del futuro di chi guarda alla scena non come la paludata narcisistica dimensione creativa di qualche artistino di un’umanità da poco, ma come qualcosa che abbia dentro davvero la potenza di cambiare le cose e dialogare col suo tempo fatto della ricchezza umana dell’esperienza del rapporto diretto, dal vivo con chi, interagendo, la fruisce, l’unica cosa che profondamente distingue questa forma d’arte da ogni altra.

eafbefa37f217374d63a3af098f8a208_XLLe date della tournèe sono 9 – 11 ottobre ad Aversa, 17 ottobre a Roma, 22 – 23 ottobre a Volterra e 24 – 25 ottobre a Firenze).

Da Venerdì 9 Ottobre all’11 ci saranno ad Aversa passeggiate notturne nella struttura a cura di Chille de la Balanza (compagnia teatrale residente nell’ex O.P. di San Salvi – FI), aperitivi e concerti, la presentazione del progetto “Atlante della città fragile”, di e con Gigi Gherzi, e infine lo spettacolo “Mombello. Voci da dentro il manicomio”, a cura di Teatro Periferico.

ATTENZIONE:
Per gli spettacoli “Passeggiata Teatrale – C’era una volta…il manicomio” e “Mombello. Voci da dentro il manicomio” si consiglia la prenotazione ai seguenti numeri:
3341185848 / 3356270739 / 0556236195 / 3472834447

Info paneacqua culture

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: