NTF 2016: “La Grenouille avait raison” di James Thierrée, immersi in un’infantile entropia

ESTER FORMATO |  Vedere in scena la Compagnia Du Hanneton, fondata da James Thierrée ovvero nipote del grande Charlie Chaplin, fa un certo effetto. Talvolta, sembra aver dinanzi proprio lo stesso Charlot osservando i gesti che Thierrée, pur in modo differente, conserva dell’illustre avo.
Ma “La Grenouille avait raison” che approda a Napoli per il Teatro Festival è anche e soprattutto una sorta di esperienza visiva che ne rende rarefatto il senso razionale, per immergere lo spettatore entro una dimensione psichica, quasi antropica, legata al mondo immaginifico dell’infanzia.

jt
Un sipario dal rosso acceso e fluorescente come un’enorme onda disvela un assito privato di ogni quinta; un corpo enorme e centrale sospeso – una rana – costituito attorno da neon pendenti a varie altezze campeggia nel nostro campo visivo. La rana è “collegata” ad una vasca piena d’acqua, mentre un vecchio pianoforte suonato da una fanciulla ed un antico armadio costeggiano morbidi drappi che avvolgono tutta la scena a latere. Fitte strutture metalliche sulle quali vediamo acrobati barcamenarsi dall’alto compongono un ferreo cielo; ad un tratto una scala a chiocciola, pur essa a mezz’aria e sulla quale scende Thierrée, attiva un delicato effetto che coinvolge tutto il quadro d’insieme. Ogni oggetto sembra volare, rincorrersi fra contorsioniste e danzatrici, fra abilità circensi e corpi che interagiscono attraverso sofisticate gestualità, quasi come a voler frantumare e ricomporre al contempo la relativa fisicità. Si litiga, ci si abbraccia con qualche remora, ci si confronta e ci si aggredisce goffamente fra fratelli in una lingua misteriosa, mentre in un canto una piccola tv non funzionante si accende con una sua schermata blu (rifiuto o paura della realtà esterna).
Il filo conduttore dello spettacolo si dipana in una sinergia di elementi visivi ed uditivi. Dinanzi a noi vi è un assetto disorganico di un inconscio che rigetta sulla scena retaggi d’infanzia; il gesto singolo tende a frammentare l’articolazione di un corpo perché paure, timori, capricci quali primarie e necessarie pulsioni dell’infanzia, sono ciò che emerge e ciò che si rappresenta. Un universo pre-razionale, dunque, colmo di azioni simboliche non sempre decifrabili, è questo il fantasmagorico mondo orchestrato come se la rana stessa, probabile simbolo di quella lacerazione fra infanzia ed età adulta, fosse il sistema di riferimento.
La grenouille avait raison” è uno spettacolo che attiva codici diversi e sinergici, un processo creativo che prende forma attraverso il “simulacro” di questa rana, un corpus che si alimenta con un’acqua rigeneratrice, quasi a voler esorcizzare il grumo di pulsioni infantili che costituiscono la drammaturgia gestuale e visiva dell’opera dove, come in una fiaba, il singolo elemento-oggetto, come ciascun personaggio, è latore di qualcos’altro di più profondo.
Per lo spettatore  è un’esperienza che consente di confrontarsi con una costruzione registica, tecnica, interpretativa e drammaturgica dai linguaggi iperconcettuali entro un funambolico diaframma di composizioni e scomposizioni corporee ed espressive; una cognizione immediata (perché ne è acuita la percezione visiva) ed al contempo frammentaria, giacché si è spinti oltre la soglia del razionale e del logico.

LA GRENOUILLE AVAIT RAISON

  Testo e regia James Thierrée                                                                                                                   con Valérie Doucet, Samuel Dutertre, Mariama, Yann Nédélec, Thi Mai Nguyen, James      Thierrée                                                                                                                                               Scenografia e musiche originali : James Thierrée                                                       Coordinamento tecnico : Anthony Nicolas                                                                                        Suono: Thomas Delot                                                                                                                                  Luci : Alex Hardellet, James Thierrée                                                                                                Costumi : Pascaline Chavanne                                                                                                    Marionnette : Victoria Thierrée                                                                                                        Produzione delegata : La Compagnie du Hanneton/Junebug                              Coproduzione : Théâtre de Carouge-Atelier de Genève, Célestins-Théâtre de Lyon, Radiant-Bellevue,Théâtre du Rond-Point Paris, Théâtre de la Ville Paris, Théâtre Royal de Namur, La Coursive Scène nationale de La Rochelle, Sadlers Wells Londres en collaboration avec Crying Out Loud, L’arc Scène nationale Le Creusot, Opéra de Massy, Odyssud Blagnac, Théâtre de Villefranche sur Saône, La Comédie Clermont Ferrand, Théâtre Sénart, Le Festival international d’Edimbourg, Espace Jean Legendre – Théâtre de Compiègne

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: