Nuove forme di teatro e di pensiero: Festival Teatro Bastardo, il teatro dei confini conquista il centro

FILIPPA ILARDO | Un festival è molto più che un normale cartellone: è un pensiero che si respira, è teatro che si metabolizza, è il formarsi di idee che si sedimentano nell’atto della condivisione, è pensiero critico che si genera, è il formarsi di una comunità che si crea di spettacolo in spettacolo, da un evento […]

Al via il nuovo Buratto – Bruno Munari, madrina d’eccezione un’oca!

RENZO FRANCABANDERA | Ad un certo punto sembra di stare al cinema, con effetti speciali, case che volano, volpi che sembrano Jeeg Robot, un’emozionante e complicato sistema di manipolazione di burattini che lascia con gli occhi di fuori. Invece alla fine arrivano a prendere gli applausi in tre, Nadia Milani, Matteo Moglianesi, Serena Crocco, sudati […]

Il neo-umanesimo lirico di Celestini e del suo Pueblo

LAURA NOVELLI  | Una tenda chiara, lunga fino al pavimento. Attraverso cui guardare la vita degli altri, immaginarne la sostanza, i dolori, le paure, le abitudini, le cadute. Una tenda che è anche palcoscenico nel palcoscenico. Luogo da cui si generano voce recitante e musica. Da cui quel guardare/dire/cantare si apre al mondo dei vivi […]

In.Ter.Nos e quel gusto thriller raro a teatro

RENZO FRANCABANDERA | Dopo il buon riscontro di pubblico con Casca il mondo nella rassegna Hors di MTM, Carolina Reaper, compagnia milanese di recente costituzione, riempie ancora la sala di Teatro Libero per diverse repliche di In.Ter.Nos, altra loro produzione di quest’anno, presentata nel primo dei tre episodi che la compongono nell’edizione 2017 di IT Fest. […]

Fenomenologia umana e ferroviaria: Il controllore de Gli omini al VieFestival

ELENA SCOLARI | I treni. I treni sono un mezzo che tutti conosciamo, che tutti usiamo, sono un luogo in moto universalmente familiare. E sono anche un luogo letterario, cinematografico, e grazie al Progetto T de Gli omini anche teatrale. La compagnia di Pistoia ha lavorato sulla Ferrovia Porrettana, osservando i viaggiatori, ascoltandoli, vivendo le […]

“L’ammore nun è ammore” ovvero se Shakespeare fosse nato a Napoli

MILENA COZZOLINO | Il Teatro Bellini, centro propulsore del teatro internazionale a Napoli, fa rivivere alla città l’emozione della scena elisabettiana, trasformando la sua platea nello yard di scespiriana memoria per il progetto Glob(e) al Shakespeare. Intanto anche il resto della struttura diventa un moderno tempio del Bardo, realizzato dagli allievi dell’Accademia di Belle Arti […]

L’assillo della ReProduction: il nuovo parto di Phoebe Zeitgeist

RENZO FRANCABANDERA | In una stanza c’è  Fratta donna diva, poi c’è Zebrotto un assistente artistoide che suona uno xilofono per bambini e che ancora mette lui il dito in bocca, e altre strane figure, Conigliotto e Leprotto, e infine c’è ArtyParty, un’incarnazione dell’Arte sotto forma di curatrice gallerista. Lei crea e allestisce il suo […]

Un discorso (volutamente) aperto sul corpo: Benvenuto Umano del CollettivO CineticO

ILENA AMBROSIO | Un «punto su ciò che è accaduto alla compagnia in questi dieci anni» ma anche «un’altra tappa del nostro percorso artistico». Così Francesca Pennini descrive Benvenuto Umano; e che quest’ultimo lavoro del CollettivO CineticO sia, insieme, sintesi di un percorso e abbrivio di qualcosa di nuovo, pare abbastanza esplicito. Come descrivere Benvenuto […]

Amleto, t’hanno rimasto solo, sti quattro cornuti…

RENZO FRANCABANDERA | Amleto senza complici di scena. Niente fantasma, niente amico Orazio, niente nemico Claudio, o il sordido Polonio. “T’hanno rimasto solo sti quattro cornuti”, avrebbe detto Vittorio Gassman, come da celebre battuta de I soliti ignoti, quella solitudine di chi pretende di voler raccontare tutto da sé, come se il fantasma non fosse […]

La nuova identità delle Orestiadi secondo Alfio Scuderi: il Contemporaneo, il premio di…

FILIPPA ILARDO | La politica in Sicilia fa sentire il proprio peso e cambia il corso delle cose, a volte interrompe dei processi significativi di crescita, lasciando orfani di speranze e progetti. Eppure, nonostante questa sovranità subita, la vita, anche quella teatrale, continua a inventarsi altri percorsi. Alfio Scuderi, ad esempio, lo avevamo lasciato direttore […]