Della presunta “oscurità” della danza contemporanea: sul nuovo spettacolo di Annamaria Ajmone

LAURA BEVIONE | «Ma il programma di sala diceva un’altra cosa!», questo il tenore di molti dei commenti rubati agli spettatori che, giovedì scorso, 26 ottobre, abbandonavano perplessi la sala della Lavanderia a Vapore di Collegno (To) dopo aver assistito alla prima dello spettacolo che la coreografa e danzatrice Annamaria Ajmone ha ideato e realizzato con Alberto Ricca – in arte Bienoise – apprezzato autore di musica elettronica.

Una perplessità che genera questioni non oziose riguardo le aspettative e la consapevolezza del pubblico, nonché l’atteggiamento e la predisposizione – di “spirito” ma altresì “culturale” – con cui esso sceglie di partecipare ed effettivamente partecipa a un evento spettacolare. Quanto sanno gli spettatori – aldilà dei fogli di sala che, tratti spesso dalle note di regia, molte volte annebbiano anziché illuminare lo sguardo – di quanto stanno per vedere? E poi – qualcuno potrebbe obiettare – è davvero importante che ne sappiano qualcosa?

L’artista, dal canto suo, deve cercare di andare incontro al pubblico, rendendo i propri lavori il più possibile immediatamente leggibili ovvero stimolarne il pensiero e le emozioni, magari irritandolo con musiche sincopate e ipnotiche reiterate ad libitum e luci troppo forti?

La questione, come dicevano, non è di poco conto e si inserisce nel dibattito – oggi quanto mai attuale – relativo alla “formazione”  e all’”ampliamento” del pubblico teatrale. Una problematica discussa e concretamente affrontata con progetti di svariata natura, più o meno efficaci. Crediamo, nondimeno, che la riflessione al riguardo dovrebbe essere sempre formulata parallelamente a una meditazione sul ruolo dell’artista e sull’autonomia del percorso che egli sceglie di intraprendere.

Ovviamente si tratta di problematiche complesse, che qui ci limitiamo a suggerire, partendo proprio dal lavoro, certo “ostico”, di Ajmone-Ricca: cinquanta minuti di musica, variata eppure ipnotica e, per i non amanti – o i non avvezzi – alla musica elettronica di non agevole ascolto; un disegno luci – virato su tonalità acide ovvero sullo chiaroscuro e sulle penombre – raffinato e realmente “drammaturgico”; una scena spoglia, a eccezione di una cassa e di un mucchio di stracci colorati – evidentemente ispirato a Pistoletto – collocato su un lato del proscenio e in parte “spogliato” dall’interprete; una coreografia che sfrutta una sorta di protesi – un lungo braccio bianco che allunga a dismisura quello della danzatrice, sottraendole equilibrio e “simmetria” – per raccontare il percorso di auto-conoscenza e di esplorazione dell’altro da sé compiuto da un corpo.

DSC_2052_ph Andrea Macchia

Ajmone e Ricca realizzano con coerenza e rigore il proprio progetto artistico, chiaramente frutto di letture, studio e ricerca e sostenuto dalla volontà di indagare mondi e potenzialità personali, senza pensare troppo a come esso avrebbe potuto essere recepito e accolto dal pubblico. Una colpa quest’ultima? O la legittima rivendicazione dell’autonomia dell’artista?

È certo possibile dissentire nel giudizio sullo spettacolo di Ajmone/Ricca ma indiscusse sono la sincerità e la disciplina che lo sottendono. Un’altra è la domanda che sorge, ossia esiste una via di mezzo possibile fra miope autoreferenzialità e sfacciato ammiccamento? Ovvero, come si può far convivere la sacrosanta autonomia dell’artista con la necessità di “comprensione” – emozionale e razionale – degli spettatori, senza i quali, d’altronde, il primo non avrebbe ragione di proseguire il proprio lavoro?

TO BE BANNED FROM ROME, di Annamaria Ajmone e Alberto Ricca

Coreografia e danza di Annamaria Ajmone.

Musica live di Bienoise (Alberto Ricca)

Spazio e costumi di Jules Goldsmith.

Luci e direzione tecnica di Giulia Pastore.

Prod.: Torinodanza Festival, Cab 008, Club to Club Festival; in collaborazione con The Italian New Wave.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: