Viziosismi nr.4: Ideologia e Metodo

img_1642

disegno di Renzo Francabandera

ANTONIO CRETELLA: Madeleine Albright è stata la prima donna a ricoprire il ruolo di Segretario di Stato USA durante il secondo mandato di Clinton. Di origini cecoslovacche, fuggì dal suo paese quando il Terzo Reich se ne impadronì per evitare le persecuzioni razziali in quanto di origine ebraica.
Riguardo il nazifascismo ha detto: “Penso che il nazismo non sia un’ideologia, ma un metodo”. Poche, lapidarie parole che nel loro assunto principale riecheggiano la distinzione tra fascismo e ur-fascismo operata da Eco, ovvero il fascismo storico e il fascismo come forma di organizzazione del potere. Se, mutatis mutandis, ci sembra di vivere in una brutto remake degli anni Trenta è proprio perché il fascismo è un metodo di esercizio del potere sulle masse, una forma codificata di potere carismatico che può scientificamente replicarsi date alcune circostanze di base.
Fintan O’Toole in un articolo su The Irish Times parla del nostro presente come un laboratorio permanente di fascismo: i governanti testano via via l’allentamento dei valori sanciti dalle Costituzioni in favore di disvalori dettati dalla paura e dal risentimento di classe, citando l’ignobile detenzione dei bambini al confine messicano come un capolavoro di Trump nel rendere accettabile per il proprio elettorato l’inaccettabile, manipolando l’opinione pubblica fino a convincerli che quei bambini fingevano, come finti erano i bambini morti sulle spiagge italiane.
Il metodo è in realtà antico: la creazione di un mondo fittizio, di una rappresentazione alterata della realtà funzionale al potere è ciò che, per fare un esempio noto, ha consentito al cristianesimo la sua mirabolante ascesa in Occidente come strumento di controllo delle masse, mentre il fanatismo identitario fu quello che distrusse uno dei migliori esempi di società interrazziale nella Spagna tardomedievale. Possono mutare i contenuti contingenti, ma la tecnica è sempre quella della proverbiale rana nella pentola d’acqua che si scalda pian piano fino a cuocerla senza che lei se ne accorga.



Categorie:Cultura e società, Novità, Satura, Teatro, Viziosismi

Tag:, , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: